Cause delle vene varicose, sintomi, metodi di trattamento e prevenzione

vene varicose nelle gambe

Le vene varicose sono una malattia dei canali venosi, caratterizzata da ridotta circolazione sanguigna e alterazioni delle valvole. La malattia è accompagnata da un'espansione delle pareti e da un aumento della lunghezza della vena. La malattia provoca il ristagno del sangue, la formazione di un nodo. Richiede la consultazione di un medico.

Sintomi delle vene varicose

Nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia, le dimensioni di 2-3 canali aumentano. Non c'è altra sintomatologia. Con il progredire delle vene varicose, si sviluppano i seguenti sintomi:

  • rapido affaticamento degli arti inferiori;
  • gonfiore delle gambe;
  • sensazione di pesantezza;
  • ispessimento dei canali venosi che sporgono sulla superficie della pelle;
  • perdita di capelli nella zona interessata;
  • sensazione di bruciore e prurito;
  • sensazioni dolorose agli arti inferiori;
  • la formazione di crepe, sanguinamento con lievi danni;
  • dermatite;
  • arrossamento lungo il canale venoso.
  • le vene diventano blu scuro, si formano nodi;
  • crampi agli arti inferiori.

Le ragioni

La causa esatta dello sviluppo delle vene varicose non può essere stabilita. Tuttavia, sono stati identificati fattori che aumentano il rischio di progressione della malattia:

  • predisposizione genetica. È spiegato dal trasferimento di un gene non standard responsabile della struttura dei canali vascolari. Dal momento della nascita, il bambino ha una debolezza dei muscoli e dei tessuti connettivi, che porta ad un aumento della pressione negli arti inferiori;
  • cambiamenti nei livelli ormonali, ad esempio, durante il processo di trasporto di un bambino o durante la menopausa. Nel corpo, la concentrazione di estrogeni diminuisce e il livello di progesterone aumenta. Ciò porta ad una diminuzione del tono della parete venosa e dell'occlusione vascolare;
  • sovrappeso, provoca una lenta circolazione sanguigna, aumento della pressione nella regione addominale;
  • un'alta concentrazione di zucchero nei vasi sanguigni danneggia le pareti del canale, crea un ambiente favorevole alla formazione di coaguli di sangue;
  • il consumo eccessivo di bevande alcoliche provoca disidratazione, ispessimento dei globuli, formazione di coaguli di sangue, compromissione della circolazione sanguigna;
  • l'attività fisica prolungata sugli arti inferiori provoca una diminuzione del tono dei tessuti muscolari, il flusso sanguigno al sistema cardiaco rallenta, si forma il ristagno nelle gambe;
  • anomalie congenite nella coagulazione delle cellule del sangue;
  • dieta compilata in modo errato, bassa concentrazione di vitamine E e C porta all'indebolimento dei vasi sanguigni;
  • l'uso costante di biancheria intima attillata provoca la compressione dei canali venosi;
  • malattie renali;
  • costipazione di natura cronica. La malattia porta ad un aumento della pressione della regione intra-addominale, che provoca un deflusso di sangue disturbato;
  • uso frequente di scarpe col tacco alto, il tessuto muscolare della parte inferiore della gamba non si muove, si provoca il ristagno;
  • stagione calda, frequente disidratazione addensare il sangue, aumentare il rischio di coaguli di sangue;
  • malattie del sistema cardiovascolare, come l'insufficienza cardiaca;
  • sovradosaggio di farmaci che aumentano la coagulazione delle cellule del sangue;
  • interventi chirurgici, la perdita di sangue durante l'intervento chirurgico aumenta il rischio di coaguli di sangue.

Fasi di sviluppo delle vene varicose

Ci sono diverse fasi nella progressione delle vene varicose degli arti inferiori:

  • la fase iniziale dura da diversi mesi a diversi anni, indipendentemente dall'età del paziente. È caratterizzato dall'assenza di segni vividi. È accompagnato da indolenzimento inespresso dei canali venosi, sensazione di bruciore e rapido affaticamento delle gambe. Le sensazioni dolorose si intensificano la sera;
  • il secondo stadio è caratterizzato dallo sviluppo dei sintomi. È accompagnato da forti dolori, spasmi muscolari costanti, formazione di nodi sulle gambe, aumento dello spessore delle vene, sensazione di prurito;
  • il terzo stadio è caratterizzato da un aumento dell'edema, ridotta circolazione sanguigna, focolai ulcerativi che non guariscono per un lungo periodo di tempo, tromboflebite.

Varietà

A seconda della localizzazione, si distinguono diversi tipi di vene varicose:

Vene varicose nelle gambe e nelle braccia

Viene diagnosticato più spesso di altri, è facile da trattare.

Vene varicose della piccola pelvi

È caratterizzato da sintomi simili con altre malattie. Il processo di minzione è disturbato, è possibile dolore durante il rapporto o durante l'esercizio fisico.

Vene varicose dell'utero

È raramente diagnosticato, caratterizzato da sensazioni dolorose durante il rapporto sessuale, che vengono date alla regione lombare.

Vene varicose dell'esofago

Più spesso - malattie concomitanti di ipertensione portale. È caratterizzato dall'assenza di sintomi.

Diagnostica

Per fare una diagnosi, sono necessari un esame visivo e un'anamnesi. Ulteriori esami mostrano le condizioni delle valvole e dei canali venosi e consentono di stabilire il tipo e lo stadio di sviluppo della malattia. Se necessario, il medico prescrive test funzionali per determinare la pervietà delle vene, ecografia con duplex, flebografia, ecografia Doppler per valutare il flusso sanguigno. Per diagnosticare le vene varicose, utilizzare:

  • MRI (risonanza magnetica per immagini)
  • Check-up (esame completo del corpo)
  • Elettroencefalografia computerizzata
  • Topografia computerizzata della colonna vertebrale
  • Scansione fronte-retro
  • Ecografia (esame ecografico)
  • TC (tomografia computerizzata)
  • Onco Check-up - consulenza online gratuita

Quale medico contattare

Se sospetti vene varicose, devi contattare un flebologo, uno specialista specializzato che si occupa di vasi sanguigni. Puoi anche fissare un appuntamento con il chirurgo, che diagnosticherà e selezionerà il trattamento appropriato.

Trattamento per vene varicose

Il corso del trattamento dipende dalle caratteristiche individuali dello sviluppo della malattia. I farmaci migliorano il funzionamento delle valvole, nutrono le pareti dei canali vascolari, stimolano il flusso sanguigno, ma non sono in grado di eliminare la malattia. Al paziente vengono apportate modifiche alla dieta, viene effettuato un regime quotidiano individuale e viene prescritto l'uso di indumenti compressivi. I metodi tradizionali aiutano a sbarazzarsi del dolore. Se non è stato possibile curare la malattia con metodi conservativi, viene prescritto un intervento chirurgico. I seguenti metodi sono comunemente usati:

  • Terapia manuale
  • Fisioterapia
  • Massoterapia
  • Plantari ortopedici
  • Riflessologia
  • Ozonoterapia
  • Terapia al plasma
  • Terapia articolare SVF
  • Farmacopuntura

Complicazioni

  • Sanguinamento venoso;
  • eczema, si sviluppa con una prolungata mancanza di ossigeno;
  • tromboflebite superficiale;
  • la formazione di coaguli di sangue nei canali venosi profondi;
  • la formazione di ulcere trofiche;
  • infertilità con danni alle vene dell'utero;
  • esito letale quando si rompe un coagulo di sangue.

Prevenzione delle vene varicose

Per ridurre il rischio di sviluppare vene varicose, è necessario osservare le seguenti regole:

  • evitare uno sforzo fisico intenso sugli arti inferiori;
  • utilizzare i farmaci secondo le istruzioni;
  • smettere di bere bevande alcoliche;
  • quando lavori sedentari, fai un po 'di ginnastica una volta ogni ora;
  • rifiutare di usare biancheria intima da spremere;
  • aderire a una dieta equilibrata;
  • al primo segno di vene varicose, consultare un medico.